RECENSIONE #34: “DI TUTTE LE RICCHEZZE” DI STEFANO BENNI

Presi in mano il libro del Catena, per leggere tre versi di una delle sue poesie più enigmatiche:

Di tutte le ricchezze che ho viste

Una sola io vorrei davvero

I tuoi occhi di acqua celeste

Di tutte le ricchezze

Titolo Di tutte le ricchezze
Titolo originale Di tutte le ricchezze
Autore Stefano Benni
Edizioni Feltrinelli
Traduzione
Anno 2012
Genere Romanzo
Pagine 207

Trama

Dal retro di copertina: “Martin è un maturo professore e poeta che si è ritirato a vivere ai margini di un bosco: è una nuova stagione della vita, vissuta con consapevolezza e arricchita dai ricordi e dalle conversazioni che Martin intrattiene con il cane Ombra e con molti altri animali bizzarri e filosofi. In questa solitudine coltiva la sua passione per il Catena, un misterioso poeta locale morto in manicomio. Questa tranquillità, che nasconde però strani segreti, è turbata dall’arrivo di una coppia che viene a vivere in un casale vicino: un mercante d’arte in fuga dalla città e Michelle, la sua bellissima e biondissima compagna. L’apparizione di Michelle, simile ad una donna conosciuta da Martin nel passato, gonfia di vento, pensieri e speranze i giorni del buon vecchio professore […].”

Recensione personale

Prosa e poesia, logos ed eros, realtà e magia: tutto questo si intreccia meravigliosamente nell’ultimo straordinario libro di Stefano Benni.

Ogni pagina, ogni riga, ogni parola hanno un preciso spazio e significato e, nell’insieme del racconto, creano armonia e perfetta sintonia come i passi di un valzer.

Tutto il romanzo alterna prosa e poesia come in un tradizionale prosimetro, anche se non c’è un perfetto equilibrio tra le parti.

Benni è un fantastico “giocoliere delle parole”: neologismi bizzarri e prestiti linguistici si mescolano dando vita ad un pastiche linguistico che alterna diversi registri linguistici: dalla parola poetica e colta al gergo giovanile dei ragazzi di strada.

Credo che tutto il romanzo racconti il percorso di crescita che ciascuno di noi vive quotidianamente, un percorso che  non si può mai definire concluso,  ma che, al contrario, può offrire ad ogni età nuovi  spunti e nuovi stimoli.

La vita può sempre offrirci un’altra occasione per essere felici, per farci innamorare, per tornare a vivere, anche a settant’anni: Martin è la prova evidente di tutto ciò.

Se vi consiglio di leggerlo? Assolutamente si!

Voto: 9 / 10

Miss Piggy

Annunci

3 pensieri su “RECENSIONE #34: “DI TUTTE LE RICCHEZZE” DI STEFANO BENNI

  1. Ciao!
    Complimenti per la recensione, hai scelto parole bellissime per descrivere questo libro! Io ricordo di aver letto e adorato Margherita Dolcevita di Stefano Benni, chissà, potrei recuperare qualche altro suo libro!
    Seguo questo blog da tanto e commentavo come readeraddicted, adesso ho aperto un blog insieme ad un altro ragazzo, se ti va di dargli un’occhiata è questo: http://twofriends800.blogspot.com/

    Al prossimo commento!
    Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...