RECENSIONE: “I MEMORABILI – VITE SEGRETE DI UOMINI ILLUSTRI” DI STEFANO E VALENTINA GELAIN

“La tavola era pronta: elegante, imbandita, profumata. “Che bellezza” esultò Niccolò entrando trionfale. Indossava un nuovo lenzuolo orlato di pizzo, “sarà una serata indimenticabile”.  Versò del vino scuro dentro il calice d’oro e lo sorseggiò. Era delizioso. La sola bevanda che imporpora le guance e pizzica maliziosa il cuore. L’unica anomalia? L’invitata era una, eppure la tavola era preparata per quindici. Quindici piatti, quindici bicchieri e quindici posate.”

i-memorabili-144282

Titolo I Memorabili
Titolo originale I Memorabili
Autore Stefano e Valentina Gelain
Edizioni Il Ciliegio
Traduzione
Anno 2013
Genere romanzo
Pagine 139

Trama

Dal retro di copertina: “Ogni epoca ha avuto grandi uomini e grandi donne, la cui fama è stata raccolta ed eternata dalla Storia. I Memorabili cattura, con limpida ironia, un fugace attimo della vita di eroi quali Omero, Cleopatra, Carlo Magno, Dante, San Francesco, Galileo, Manzoni e altri. Perno del rovesciamento parodico sono i detti e i fatti di questi grandi uomini, raccontati con frizzante ma garbata irriverenza.”

Recensione personale

Leggendo questo romanzo mi è subito venuta in mente una frase di Anatole France “Tutti i libri storici che non contengono menzogne sono mortalmente noiosi”.

Questo non è un manuale storico, ma un romanzo che ha fatto della Storia e delle sue “menzogne” i principali protagonisti.

Ciò che mi ha colpito particolarmente è la capacità degli autori giovanissimi (Stefano 24 e Valentina 22 anni) di raccontare la vita di scrittori, imperatori, drammaturghi, inventori e poeti celeberrimi con grandissima ironia, freschezza, impertinenza (quella buona), solleticando il lettore con aneddoti molto divertenti e spassosi.

Quando pensiamo a personaggi del calibro di Socrate, Archimede, Dante, Machiavelli, siamo abituati (almeno io) a pensare alla loro genialità, alla loro autorità, alle loro massime, un moderno “Ipse dixit” o “Ipse fecit” che li allontana dai comuni mortali.

Il fascino di queste storie consiste proprio nella capacità di rendere personaggi “alti” profondamente umani, pieni di vizi, follie e manie.

Ecco allora il grande filosofo greco, Socrate, pedante e petulante, saggio ma presuntuoso, il grande generale Annibale completamente dipendente dagli oppiacei, San Francesco impegnato a diffondere la sua “reppatio cristiana”, Machiavelli letteralmente “impazzito” per i classici, Shakespeare ossessionato dai suoi “nuovi capelli” … insomma, un repertorio tutto da scoprire!

Credo che queste storie possano avvicinare i ragazzi (e non solo) allo studio della storia, della letteratura e della scienza in modo brioso e comico.

Vorrei concludere con una citazione di Giovanni Immobile che apre il romanzo: “Chi non riderà, vorrà dire che è una statua di marmo”.

Voto: 8/10

Miss Piggy

Questo libro ci è stato inviato gratuitamente dagli autori (che ringraziamo) ma la recensione non è stata in alcun modo influenzata. Le opinioni espresse sono sincere al 100%.

Annunci

Un pensiero su “RECENSIONE: “I MEMORABILI – VITE SEGRETE DI UOMINI ILLUSTRI” DI STEFANO E VALENTINA GELAIN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...